Tatuaggi Hi-Tech

76Nati dalla collaborazione fra Istituto Italiano di Tecnologia  di Genova, Università Statale di Milano e Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, i tatuaggi hi-tech aiuteranno a monitorare la nostra salute.

Gli elettrodi sono direttamente stampati sulla carta dei tatuaggi trasferibili tramite stampante a getto di inchiostro e inchiostri organici, adatti alla pelle e a condurre elettricità. In questo modo, gli elettrodi possono essere creati in base alla forma più necessaria e sulla misura dell’area precisa di applicazione, anche il viso.

Il segnale elettrico che possono trasmettere arriva sino a tre giorni, senza utilizzo di gel, mentre gli elettrodi attualmente utilizzati arrivano fino a sole 8 ore.

Diverse aziende bio-mediche hanno abbracciato il progetto tutto “made in Italy”.

Francesco Greco, che ha partecipato alla ricerca con l’Iit di Pontedera ha dichiarato: “Stiamo attualmente lavorando per far divenire i nostri tattoo dei veri e propri prodotti, disponibili sul mercato. Questo, è un campo di ricerca in fortissima espansione”.

Laura Ferrari, dell’Istituto di Biorobotica della Scuola Sant’Anna, sostiene fiduciosa: “Il nostro obiettivo per il futuro è continuare a fare ricerca per realizzare elettrodi tatuabili wireless con transistor integrati, per avere recezione e amplificazione del segnale nello stesso dispositivo”.