Andare a dormire arrabbiati rende la rimozione dei ricordi negativi più difficoltosa

double-bed-1215004_1920La rabbia, oltre ad essere pericolosa per il corpo, può esserlo anche per la mente.

La conferma arriva dai ricercatori delle università di Pechino, Shenzhen e Stanford, i quali hanno dimostrato che una condizione di stress emotiva aiuta a rafforzare il consolidamento di ricordi negativi.

Lo studio, è stato condotto su 73 studenti universitari di sesso maschile. A tutti sono state mostrate una serie di immagini che ritraevano dei volti neutri associati a soggetti inquietanti. Successivamente sono state mostrate di nuovo le foto neutre, chiedendo ai partecipanti di ricordare o eliminare l’immagine negativa evocata attraverso una tecnica psicologica chiamata “penso/non penso”. Infine, sono stati divisi in due gruppi: al primo sono state mostrate di nuovo le foto dopo 30 minuti, al secondo il girono successivo.

Dai risultati si evince che il primo gruppo è stato in grado di rimuovere il ricordo con un percentuale maggiore del 9% rispetto al secondo gruppo. Risultato accreditato da scansioni celebrali effettuate sui partecipanti: il primo gruppo presentava un’attività neurale concentrata nell’ippocampo, mentre nel secondo era distribuita su tutta la corteccia celebrale.

Gli esperti suggeriscono quindi, di andare a dormire rilassati, così da poter eliminare con più facilità i ricordi negativi.