Apre a Parigi la prima sala per consumare sostanze stupefacenti in un luogo sicuro

syringe-417786_1920Il 14 ottobre è stata inaugurata a Parigi la cosiddetta ‘shooting room’ o narco sala, uno spazio che assicura ai tossicodipendenti la possibilità di consumare le sostanze stupefacenti all’interno di un luogo sicuro. Si tratta di un’area di 450 metri quadri, in funzione 7 giorni su 7, adiacente all’ospedale Lariboisière e che rimarrà aperta per 6 anni. A gestire la neonata struttura è un team multidisciplinare facente parte dell’associazione Gaia-Paris, composto da medici, infermieri, assistenti sociali, ma anche da insegnanti, e guardie di sicurezza e avrà lo scopo di accogliere, assistere, consigliare e orientare i consumatori di droghe.

La narco sala inaugurata a Parigi in realtà non è il primo esempio di strutture del genere, la Francia è infatti il 10 ° Paese al mondo ad aprire una stanza creata ad-hoc per il consumo di droghe. In Europa sono presenti spazi analoghi anche in Spagna, Svizzera, Norvegia e Olanda e Danimarca. Proprio a Copenaghen, dove la prima shooting room è stata inaugurata nel 2012, l’iniziativa ha riscosso tali consensi al punto che il consiglio comunale ha deciso di aprirne altre. Nel 2010, un rapporto dell’ Inserm, l’Istituto francese sulla ricerca medica, ha evidenziato come, dove esistono, le shooting room hanno permesso di «migliorare la salute» dei tossicodipendenti e di «ridurre i comportamenti a rischio».

Alla fine dell’esperimento, sarà condotta una valutazione sulla sua sostenibilità e saranno presentati alla comunità i risultati raccolti durante i 6 anni di vita del progetto.