Aria condizionata? I consigli per usarla senza ammalarti

L’aria condizionata può causare pericolosi sbalzi termici che provocano mal di testa, dolori articolari, addominali, sinusite ma anche raffreddamenti.

L’aria condizionata è ormai presente quasi ovunque: uffici, auto, trasporti e locali pubblici. Lo sbalzo di temperatura che il nostro corpo affronta uscendo poi all’aria aperta causa una diminuzione della vascolarizzazione delle mucose respiratorie con conseguente paralisi delle ciglia vibratili che rivestono i bronchi.

È importante seguire alcune regole di base per non trasformare la permanenza in luoghi climatizzati in una minaccia per la nostra salute. La temperatura del climatizzatore, ad esempio, non deve essere oltre sei gradi in meno rispetto alla temperatura esterna.

In presenza di bambini si consiglia di impostare una temperatura non inferiore di 3 o 4 gradi e, se possibile, meglio preferire il deumidificatore.

Si raccomanda poi di spegnere il condizionatore prima di addormentarsi e non lasciarlo acceso durante la notte perché la temperatura corporea tende ad abbassarsi naturalmente.

Ricordarsi di pulire i filtri almeno due o tre volte l’anno. Possibilmente a inizio di ogni stagione e dopo due o tre anni andrebbero completamente sostituiti.

Un’altra precauzione è infine quella di idratarsi bene perché l’aria condizionata secca la pelle. Pertanto se si è in luoghi climatizzati per tempi prolungati è importante bere molta acqua e usare una crema idratante.