Camminare velocemente allunga la vita

Un recente studio condotto dall’Istituto Nazionale per la Ricerca sulla Salute (NIHR) del Leicester Biomedical Research Center e pubblicato sulla rivista Mayo Clinic Proceedings ha dimostrato che chi cammina abitualmente a passo spedito vive più a lungo rispetto a chi invece ha un’andatura più lenta.

Lo studio ha esaminato 474.919 persone con un’età media di 52 anni. Si è potuto constatare che le donne che camminano a passo veloce hanno un’aspettativa di vita di 86,7-87,8 anni, mentre gli uomini di 85,2-86,8 anni; mentre per coloro che abitualmente camminano con un’andatura lenta le aspettative di vita scendono a 72,4 anni per le donne e a 64,8 anni per gli uomini.

Il professor Tom Yates dell’Università di Leicester responsabile dello studio spiega: “Le nostre scoperte suggeriscono come la forma fisica sia un indicatore migliore dell’aspettativa di vita rispetto all’indice di massa corporea e che incoraggiare le persone a camminare a passo spedito possa aggiungere degli anni alle loro vite”.

Il dottore Francesco Zaccardi, co-autore dello studio, conclude: “Interpretare un rischio relativo non è sempre facile, mentre, al contrario, la relazione in termini di aspettativa di vita è più semplice da comprendere e dà un’idea più chiara dell’importanza separata e congiunta dell’indice di massa corporea e della forma fisica”.