Cancro al seno: individuato nuovo farmaco che riduce del 25,3% il rischio di recidiva

Secondo uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, l’abemaciclib molecola sviluppata e prodotta da Eli Lilly, che in combinazione con la terapia endocrina adiuvante standard (Et) sarebbe capace di ridurre del 25,3% il rischio di recidiva in pazienti con cancro al seno.

La ricerca ha esaminato 323 eventi Idfs, di cui 136 nel gruppo trattato con abemaciclib e 187 fra i controlli e ha dimostrato che l’aggiunta di abemaciclib alla terapia endocrina ha comportato anche una riduzione clinicamente significativa del 28,3% del rischio di ricadute di malattia a distanza (Drfs), ovvero dello sviluppo di malattia metastatica.

La  Prof.ssa Valentina Guarneri dell’Università di Padova-Istituto oncologico veneto ha dichiarato: “Questi dati costituiscono una novità decisiva per le persone con un carcinoma mammario in fase iniziale Hr+/Her2- ad alto rischio, pari a circa il 20-30% dei 53.500 casi di tumore al seno che si registrano ogni anno in Italia: potenzialmente si tratta di uno dei più importanti progressi nel trattamento di questa popolazione di pazienti negli ultimi 2 decenni“.

Foto di jcomp – it.freepik.com