I colleghi maleducati provocano disturbi del sonno

La rivista Occupational Health Science ha recentemente pubblicato uno studio condotto dai ricercatori della Portland State University e della Università dell’Illinois che dimostra che la maleducazione dei colleghi e lo stress accumulato sul posto di lavoro non solo non fanno dormire bene il dipendente infelice ma possono influenzare anche il sonno del partner.

Chi vive disagi sul posto di lavoro tende a essere nervoso anche a casa e soffre di disturbi del sonno: difficoltà ad addormentarsi e sonno disturbato da ripetuti risvegli nel cuore della notte.

Secondo lo studio anche il coniuge, pur non direttamente coinvolto nel malessere lavorativo, soffre di insonnia soprattutto se la coppia lavora nella stessa azienda o se esercita la stessa professione.

Questo perché, come spiega Charlotte Fritz, ricercatrice che ha coordinato lo studio, il partner che conosce il contesto lavorativo in cui il coniuge è costretto a lavorare con persone maleducate si sente fortemente coinvolto anche nel processo di risoluzione del problema.

Purtroppo nonostante molte imprese si adoperino per promuovere politiche basate sulla tolleranza, la maleducazione resta una delle principali problematiche lavorative.

Gli psicologi consigliano per combattere lo “stress da lavoro” di cercare di distaccarsi mentalmente dal lavoro durante le ore non lavorative, trascorrendo tempo con la famiglia e gli amici, praticando qualche hobby o facendo meditazione.