Consumare bevande senza zucchero potrebbe contribuire allo sviluppo di diabete

bottles-2969465_1920Secondo un nuovo studio della Medical College of Wisconsin e della Marquette University, gli edulcoranti artificiali presenti nelle bibite dietetiche, ovvero quelle senza zuccheri, potrebbero effettivamente contribuire a sviluppare il diabete di tipo 2. Lo studio è stato poi presentato durante la conferenza della Experimental Biology.

Non è la prima volta che si parla di questo argomento: da anni infatti vengono effettuati studi per comprendere il reale pericolo legato all’assunzione di queste bevande. L’ultimo studio effettuato prima di questo, aveva dimostrato come il consumo di dolcificanti artificiali altererebbe le risposte dell’organismo al glucosio, aumentando il rischio di diabete tipo 2. Ad oggi però, le evidenze scientifiche non sono sufficienti per confermare una relazione tra il consumo di dolcificanti artificiali e lo sviluppo di diabete.

L’obiettivo dello studio era indagare gli effetti del consumo degli edulcoranti sulla risposta al glucosio. Sono stati seguiti per 3 settimane alcuni topi, predisposti allo sviluppo della malattia e alimentati con una dieta ricca di due comuni dolcificanti artificiali, l’aspartame e l’acesulfame di potassio. È stato poi analizzato in seguito il sangue dei topi, utilizzando un’innovativa tecnica in grado di tenere traccia dei cambiamenti metabolici.

I ricercatori hanno visto cambiamenti biochimici nel sangue, i quali potrebbero portare ad alterazioni nel metabolismo dei grassi e dell’energia.