Crampi notturni: quali sono le cause

I crampi notturni sono contrazioni muscolari involontarie, improvvise e transitorie, che si manifestano nella maggior parte dei casi al polpaccio, alla coscia e al piede.

Il crampo è molto doloroso: i muscoli degli arti inferiori si mostrano contratti e rigidi. Solitamente la durata media è di pochi minuti.

Le cause possono essere diverse. Quando compaiono a riposo, sono spesso dovuti a una diminuzione della quantità di sali minerali presenti nell’organismo causata a sua volta da un’eccessiva sudorazione o disidratazione soprattutto durante la stagione estiva.

Quando compaiono frequentemente potrebbero essere il segnale di una carenza o uno squilibrio di sodio, potassio, magnesio, calcio e vitamina D.

Un’altra causa frequente è l’assunzione di alcuni farmaci come quelli diuretici. Anche la gravidanza può stimolarne la comparsa o stress intenso e affaticamento fisico.

I crampi notturni tuttavia non sono da sottovalutare  perché potrebbero essere un campanello d’allarme di problemi alla circolazione, più o meno gravi, come aterosclerosi periferica, trombosi venosa, varici e flebite, ma anche di sindrome delle gambe senza riposo, disordine di tipo neurologico.