Dieta chetogenica: tutto quello che c’è da sapere

La dieta chetogenica prevede l’esclusione, per un tempo determinato che si aggira tra i venti giorni e i due mesi, di carboidrati complessi e semplici, cioè degli zuccheri.

Questo non vuole dire soltanto escludere pasta, pane o riso, ma anche legumi, frutta, bevande zuccherine latticini e anche alcuni tipi di verdure e ortaggi come carote e pomodori.

Questo tipo di dieta viene chiamata chetogenica perché il suo fine ultimo è quello di indurre uno stato di chetosi nell’organismo.

Il corpo ricava energia dagli zuccheri che introduciamo con l’alimentazione; quando diamo al corpo una forte restrizione calorica, eliminando i carboidrati, esso dopo aver consumato tutte le sue scorte, comincia ad andare in carenza ed è costretto a ricavare energia in modo alternativo formando i cosiddetti corpi chetonici (molecole energetiche derivanti dai grassi di deposito) quando ciò avviene vi è una conseguente  demolizione del grasso e il corpo comincia a perdere peso in modo considerevole.

Questo tipo di dieta non può messere improvvisata ma seguita in base a indicazione di un professionista abilitato. Se ben fatta, deve prevedere una buona idratazione (per evitare complicazioni renali) e una quota di proteine soggettiva e adatta al proprio corpo.

Bisogna tener presente che i carboidrati non possono essere evitati per lunghi periodi ma devono essere obbligatoriamente reinseriti nella propria alimentazione e il reinserimento deve avvenire in maniera graduale.

Una dieta del genere permette un drastico dimagrimento in poco tempo e, quando viene fatta in modo adeguato, si ha la perdita esclusivamente di grasso, mentre i nostri muscoli non vengono intaccati.