Sei a dieta ma con scarsi risultati? Potrebbe dipendere dalla flora batterica intestinale

virus-1812092_1920I risultati di uno studio americano eseguito dal Center for Genome Sciences and Systems Biology della Washington University e recentemente pubblicato su Cell Host and Microbe, spiegano le ragioni per cui, nonostante si adotti una dieta alimentare corretta, alcuni individui non riescano a perdere peso. Secondo i ricercatori la “colpa” potrebbe essere attribuita ai batteri che vivono nel nostro intestino.

Il microbiota intestinale, ovvero l’insieme dei microrganismi che vivono all’interno dell’intestino e che rappresentano una barriera protettiva nei confronti degli agenti patogeni, è in grado interferire con il corretto andamento delle diete ipocaloriche; nelle persone abituate ad una dieta ricca di grassi e calorie esso risulta infatti alterato, arrivando a compromettere l’efficacia e i risultati delle diete.

I risultati dello studio eseguito sui topi, ma che supporta i dati emersi da un’analoga ricerca condotta sull’uomo utilizzando un campione di oltre 400 coppie di gemelli identici, i microrganismi che popolano l’intestino degli individui che sono abituati ad alimentarsi con diete ipercaloriche e ricche di cibi grassi, faticano ad adattarsi ad un nuovo regime alimentare, rallentando così il dimagrimento ed allontanando i risultati sperati.

Questa scoperta è di fondamentale importanza perché apre le porte a nuove strategie volte a potenziare i risultati dei regimi alimentari a basso contenuto calorico, a partire dallo sviluppo di probiotici specifici per la dieta.