Dormire permette al nostro corpo di ricaricarsi e affrontare le attività necessarie all’organismo

Dormire permette al nostro organismo di ricaricarsi. Il totale rilassamento consente il bilanciamento dei livelli di cortisolo. Affinché un sonno possa avere effetti benefici sulla nostra salute deve durare dalle sette alle nove ore, in base ai soggetti, ma comunque non deve mai scendere sotto le cinque ore e soprattutto non deve mai mancare la fase REM, che ha una durata media di 10-20 minuti e che è considerata da molti la vera e propria fase di ricarica.

Purtroppo i disturbi del sonno e la conseguente mancanza di riposo sono sempre più comuni. Lo stress è una tra le componenti che influenzano maggiormente la qualità del sonno influendo negativamente sulla qualità della vita.

Molte persone che non riescono a dormire a causa dello stress accumulato durante la giornata, assumono dei farmaci per dormire, che tuttavia non migliorano le condizioni di salute, non solo perché restano in circolo per più del tempo necessario, ma anche perché eliminano la fase REM, assolutamente necessaria per un buon riposo.

La mancanza di sonno è un problema talvolta sottovalutato ma che influisce negativamente non solo sul sistema nervoso, ma su tutto il corpo.

La privazione del sonno comporta: l’innalzamento dei livelli di cortisolo e quindi stress, aumento della pressione sanguigna con conseguente rischio di infarto, alterazioni ormonali, problemi al sistema immunitario, ipotermia, perdita della memoria dovuta alla morte delle cellule cerebrali. I casi estremi la mancanza di sonno potrebbe causare addirittura disturbi della personalità, con allucinazioni e alterazione dell’umore e della percezione della realtà.

È necessario quindi impegnarsi a regolarizzare il ciclo sonno-veglia. Si consiglia a chi ha difficoltà ad addormentarsi di creare delle routine cercando di rispettare gli orari e assumere dei comportamenti ripetitivi che permettono al corpo di prepararsi al sonno, come spegnere la TV, indossare il pigiama, spegnere la luce e infine mettersi a letto.

Mangiare leggero ed evitare l’attività fisica dopo cena, perché l’esercizio risveglia l’organismo.