Farmaci falsi: i consumatori sottovalutano i pericoli

43Durante la settimana nazionale contro la contraffazione, in occasione della nuova campagna ‘La tua salute vale di +‘, organizzata dalla Società Italiana di Urologia (Siu) per sensibilizzare i cittadini e contrastare il fenomeno della falsificazione, è emerso che, dopo quello dell’abbigliamento, il settore più colpito è quello dei farmaci.

Tra il 2013 e il 2017, a seguito di quasi 18mila controlli eseguiti dal comando dei Carabinieri per la tutela della salute (Nas), sono stati sequestrati oltre 6,4 milioni di farmaci falsi. Oltre 200 persone arrestate e 3.200 denunciate, quasi 2.000 segnalate e 4.600 sanzioni amministrative comminate.

Il 60-70% dei farmaci taroccati sono farmaci per la disfunzione erettile o altre problematiche della sfera sessuale maschile, insieme a quelli con tossine botuliniche e integratori alimentari. Secondo il Consiglio d’Europa, il commercio di farmaci contraffatti supera di 25 volte quello delle sostanze stupefacenti.

A rischiare di imbattersi nel falso sono soprattutto  coloro che per l’acquisto si affidano a canali distributivi non verificati, al web e al mercato nero.

Walter Artibani, segretario generale della Siu, spiega: “I farmaci che sono stati più oggetto di sequestri in Italia da parte delle autorità competenti, sono quelli per il trattamento delle disfunzioni erettili. Sono ancora troppi gli imbarazzi dei pazienti maschi nel parlare al medico delle difficoltà sotto le lenzuola, oltre all’illusione di poter disporre a un prezzo sensibilmente più basso di farmaci altrimenti più costosi. La Società italiana di urologia ha deciso di prendere una posizione forte sul tema della contraffazione per sensibilizzare la popolazione sui pericoli legati all’acquisto dei farmaci attraverso canali non ufficiali e senza il consiglio dello specialista”.