Grasso buono: ci riscalda e riduce il diabete

microscope-275984_1920Può il grasso riscaldarci quando abbiamo freddo e proteggerci dal diabete? Secondo gli esperti, si. In occasione dell’ultimo congresso European Association for the Study of Diabetes, è stato infatti spiegato che avere una quantità di grasso “buono” funzionante aiuta a ridurre glicemia e colesterolo. La dottoressa Kirsi Virtanen, del Turku PET Centre di Turku in Finlandia, ha presentato i risultati degli studi sull’uomo: i soggetti sani, con una normale attività del grasso bruno, hanno livelli di glicemia e colesterolo nel sangue inferiori, oltre ad una ridotta pressione sul pancreas per produrre insulina, rispetto a chi ne ha uno che non si attiva con regolarità; è stato anche rilevato che perdere peso ne migliori la funzionalità.

Questo tipo di grasso, è detto “buono”, o anche “bruno” a causa del colore scuro. A differenza di quello classico (bianco) che si deposita sugli organi interni provocandone l’infiammazione, il grasso “buono” brucia molte calorie quando attivato, ad esempio quando abbiamo freddo.

Sander Kooijaman, endocrinologo dell’Università di Leiden in Olanda, ha avviato un nuovo studio per comprenderne la fisiologia: i primi risultati dimostrano una riduzione del rischio di diabete e aterosclerosi.

Bisogna quindi trovare il modo più semplice per attivarlo, anche perché al momento l’unica alternativa sembra che sia quella di esporsi al freddo.