La pubertà precoce può essere influenzata dal contesto socioeconomico

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry, ha dimostrato che l’ambiente in cui il bambino cresce, povertà ed eventi traumatici possono influenzare lo sviluppo del cervello e incoraggiare una pubertà accelerata dovuta a una più precoce maturazione cerebrale, a maggiori disturbi mentali, come depressione, ansia e psicosi.

I ricercatori hanno analizzato i dati del Philadelphia Neurodevelopmental Cohort, che includeva 9.498 partecipanti di età compresa tra 8 e 21 anni ed è emerso che esiste un legame fra povertà ed eventi traumatici, e lo sviluppo di sintomi psichiatrici. La povertà in particolare innesca un aumento dei sintomi psichiatrici, tra cui disturbi di umore, ansia, fobie, comportamento oppositivo-provocatorio, disturbo della condotta, ADHD e psicosi.

Gli eventi traumatici, invece pare siano causa di problemi come Disturbo da stress post-traumatico (PTSD), problemi dell’umore, soprattutto nelle femmine rispetto che nei maschi.

Secondo gli scienziati la povertà che gli eventi possono essere anche associati alla comparsa precoce della pubertà dal momento che generano una maturazione fisica precoce nel bambino.

I risultati dello studio suggeriscono una maggiore attenzione al contesto socioeconomico dei minori sia parte dei genitori e/o educatori che da parte dei professionisti della salute mentale in considerazione dell’ormai certificato legame tra gli eventi traumatici e il PTSD.