La salute passa attraverso le mani. Un piccolo gesto può ridurre le malattie infettive

Sicuramente molte persone ignorano qtoddler-hand-1893255_640uanto possa essere importante un accurato e frequente lavaggio delle mani per prevenire le malattie infettive. Era stato lungimirante il dottor Semmelweiss, medico ungherese della metà dell’ottocento, il quale aveva intuito che le morti per febbre puerperale tra le partorienti del suo ospedale potevano essere prevenute dal semplice lavaggio delle mani da parte del personale sanitario.

Sono molte le infezioni che vengono veicolate dalle mani e basterebbe un lavaggio frequente per tenerle lontane. Le mani sono un ricettacolo di germi; una piccola percentuale è rappresentata da microrganismi non patogeni, che risiedono normalmente sulla cute senza creare danni. A questi, però, possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell’aria o con cui veniamo in contatto toccando le più diverse superfici. I germi, quando trovano un ambiente ideale, vi si annidano e possono sopravvivere per ore sulle superfici: giocattoli, telefoni, maniglie, tavoli, tastiere del computer, asciugamani o altri oggetti e da qui possono essere trasmessi al naso, alla bocca o agli occhi, semplicemente attraverso le nostre mani.

Il virus del raffreddore ad esempio, che prioritariamente si trasmette attraverso le vie respiratorie, può essere trasmesso anche attraverso mani poco pulite. L’esempio classico è quello di una persona raffreddata che si soffia il naso e poi stringe la mano a una persona sana; se non ha lavato le mani è possibile che gli passi il virus. Lavarsi le mani può ridurre di circa il 25% le malattie dell’apparato respiratorio e in percentuale maggiore quelle dell’apparato gastroenterico.

Il lavaggio delle mani con il sapone è uno degli interventi sanitari più efficaci e meno costosi per prevenire malattie infettive nei Paesi in via di sviluppo, ma è una buona pratica da consolidare anche nei Paesi ricchi. Eppure, nonostante il suo potenziale ‘salva-vita‘, la pratica di lavarsi le mani con il sapone non è molto diffusa e l’utilizzo del sapone in momenti critici oscilla tra lo 0 e il 34%. I medici consigliano di dedicare circa un minuto al lavaggio delle mani e seguire alcune indicazioni: bagnarle e applicare una quantità di sapone sufficiente a coprire tutta la superficie, frizionare le mani tra di loro intrecciando le dita, frizionare il dorso delle dita contro il palmo opposto tenendo le dita strette tra loro senza escludere i pollici, risciacquare le mani con l’acqua e asciugarle tamponandole con una salvietta monouso con la quale, poi, chiudere il rubinetto.

Serve dunque una rieducazione alle buone e semplici abitudini per prevenire molte malattie infettive e questa sensibilizzazione è particolarmente consigliata in questo periodo dell’anno in cui si va incontro ai mali stagionali.