La valutazione della glicemia da remoto per i pazienti con diabete di tipo 2 scarsamente controllato

I pazienti con diabete di tipo 2 scarsamente controllato vanno incontro ad aumento di morbilità e mortalità e a maggiori costi per le cure. L’auto-monitoraggio della glicemia è una parte importante nella gestione del diabete, con benefici comprovati.
I progressi tecnologici dei rilevatori della glicemia, i glucometri, inclusi i dispositivi collegati allo smartphone che caricano in automatico i dati relativi alla glicemia in banche dati protette su cloud, consentono un miglioramento della condivisione e del monitoraggio dei dati della glicemia.

Un monitoraggio in tempo reale dei dati relativi alla glicemia offre l’opportunità di fornire assistenza ai pazienti con valori anomali in tempi rapidi e di migliorare quindi gli esiti critici.

JMIR Diabetes pubblica gli esiti di una sperimentazione randomizzata della durata di 6 mesi durante i quali è stato valutato un programma di monitoraggio da remoto del diabete facilitato da un glucometro collegato a smartphone, accesso telefonico ad un assistente e supporto esterno in caso dati glicemici superiori a 400 mg/dl o inferiori a 50 mg/dl in pazienti adulti con diabete di tipo 2 scarsamente controllato. I risultati dello studio hanno indicato che sia i pazienti controllati in remoto che il gruppo di controllo dello studio che invece ha ricevuto assistenza standard presso un centro specializzato hanno ottenuto miglioramenti comparabili dei dati clinici e del livello di soddisfazione, evidenziando così la validità del programma di supporto in remoto.

FONTE: https://diabetes.jmir.org/2021/1/e25574/