L’abuso di sale a tavola compromette il sistema immunitario

La rivista Science Translational Medicine ha pubblicato una recente ricerca condotta da un gruppo di scienziati tedeschi del policlinico universitario di Bonn sulle cattivi abitudini alimentari e nello specifico sull’abuso di sale a tavola.

Secondo gli esperti basta eccedere di soli 6 grammi al giorno per compromettere i granulociti, cellule spazzine adibite a ripulire l’organismo da batteri patogeni.

5 grammi, pari a un cucchiaino da tè raso, è la quantità di sale consentita al giorno secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute, purtroppo soprattutto nei paesi occidentali se ne consuma molto i più.

Christian Kurts autore dello studio ha dichiarato: “Sappiamo che troppo sale è pericoloso per il sistema cardiovascolare e aumenta la pressione del sangue il nostro studio aggiunge anche un altro valido motivo per limitare i consumi di sale“.

Lo studio è stato condotto su topi che sono stati alimentati per una settimana con una dieta eccessivamente ricca di sale e successivamente e successivamente sono stati infettati con Listeria (un batterio patogeno spesso associato a intossicazioni alimentari). Gli scienziati hanno potuto constatare che i topolini contenevano una quantità elevatissime del batterio dal momento che non erano in grado di smaltire l’accumulo del patogeno.