Le sigarette elettroniche fanno male?

e-cigarette-1301664_1920Negli ultimi tempi si è parlato molto delle sigarette elettroniche e le varie teorie sulla loro possibile tossicità.

L’università di Bologna ha condotto uno studio, dove dimostra che anche non bruciando tabacco, a sul lungo periodo le sigarette elettroniche potrebbero avere un impatto negativo sulla salute di chi ne fa uso.

Il team che ha effettuato questo studio, scrive nella ricerca multidisciplinare, pubblicata su Scientific Reports-Nature, che anche se questi apparecchi non bruciano tabacco com le sigarette tradizionali, producono sostanze ugualmente tossiche. Infatti, potrebbero produrre sostanze in grado di causare alterazioni al DNA nel sangue, il che non è altro che l’inizio delle patologie tumorali.

Le sostanze prodotte secondo il team, sarebbero formaldeide, acroleina e acetaldeide. A livello polmonare, i vapori prodotti dalle e-cig, hanno un effetto inducente sugli enzimi bioattivanti, mentre inibiscono quelli detossificanti: se questo fosse confermato da altri studi, si potrebbe assistere alla trasformazione di sostanze pre-cancerogene in cancerogeni finali.

Inoltre, lo studio ha dimostrato una diminuzione delle capacità antiossidante del tessuto polmonare e l’aumento della produzione di radicali liberi; questa concione porta allo stress ossidativo, spesso causa o concausa di tumori, invecchiamento cellulare e malattie degenerative.

È necessario quindi fare chiarezza, perché meno pericoloso non vuol dire privo di rischio.