L’inquinamento da metalli pesanti: quali effetti sulla nostra salute?

intossicazione da manganese I progressi scientifici e tecnologici ottenuti grazie all’espansione industriale hanno portato ad una domanda sempre crescente di metalli pesanti, come arsenico, cadmio, cromo, rame, nichel, piombo, manganese, alluminio, tallio e mercurio, caratterizzati da una densità specifica superiore a 5 g/cm3 e utilizzati ad esempio in batterie, conduttori e processori.

L’alta richiesta e la conseguente estrazione ed uso di tali metalli pesanti ha portato ad una crescente contaminazione di terra, acqua e aria.
L’esposizione cronica a tali metalli ha effetti deleteri non solo sui lavoratori ma anche sulla popolazione generale. Gli effetti tossici del manganese in particolare sono stati analizzati ed illustrati in una recente review di Kulshreshtha D et al., pubblicata su Journal of Movement Disorders. Il manganese è un cofattore essenziale per diverse reazioni enzimatiche alla base delle funzioni biologiche. Tuttavia, esso può essere anche una fonte potenziale di neurotossicità, in particolare nel campo dei disturbi del movimento. La manifestazione tipica di una sovraesposizione al manganese è il parkinsonismo, che può essere difficile da distinguere rispetto alla più comune malattia di Parkinson idiopatica. In aggiunta all’esposizione ambientale al manganese, altre potenziali eziologie che causano ipermanganesemia includono le condizioni di salute generale, la nutrizione parenterale esclusiva e le mutazioni genetiche che causano una sregolazione dell’omeostasi del manganese. Nella review gli autori sottolineano che gli specialisti in disturbi del movimento dovrebbero raccogliere una dettagliata anamnesi sociale e lavorativa del paziente, in modo da evitare che una manifestazione dell’intossicazione da manganese venga erroneamente diagnosticata come malattia neurodegenerativa. In mancanza di un’opzione terapeutica definita, la diagnosi precoce e l’istituzione di misure di prevenzione sono fondamentali per gestire gli effetti tossici del manganese sulla salute.

FONTE: https://www.e-jmd.org/upload/jmd-20123.pdf