Liposuzione: cos’è e chi può farla

La liposuzione è un intervento chirurgico utilizzato per rimodellare l’estetica del corpo e permette tramite l’aspirazione di eliminare i depositi di grasso resistenti.

L’intervento avviene inserendo sottocute una sottile cannula collegata ad un dispositivo di aspirazione che frantuma i cuscinetti adiposi che vengono poi aspirati e rimossi insieme a pezzettini di tessuto sottocutaneo contenenti adipociti, sangue, linfa, sostanza amorfa ed altre cellule. Infine si procede al bendaggio della zona trattata per favorire il rimodellamento dei tessuti.

La liposuzione pur essendo un intervento molto comune rappresenta una procedura complessa e potenzialmente pericolosa per la vita. La sicurezza della tecnica non dipende solo dalla quantità di tessuto rimosso, ma anche dalla scelta dell’anestetico e dalle condizioni di salute generale del paziente.

La liposuzione può essere effettuata in diverse parti del corpo come: addome, braccia, glutei, polpacci, caviglie e ginocchia, seno e schiena, fianchi, esterno ed interno cosce, collo e sottomento.

Dopo l’intervento il paziente può essere dimesso il giorno stesso in caso di anestesia locale.

Il risultato finale della liposuzione sarà evidente entro un paio di settimane, anche se occorrono alcuni mesi affinché il gonfiore scompaia rendendo visibili i miglioramenti estetici prodotti dall’intervento.