Lo strabismo

Lo strabismo si presenta quando gli assi visivi dei due occhi non sono allineati.

Quando lo strabismo insorge in età adulta potrebbe comportare anche una visione doppia, mentre se presente già alla nascita il cervello del bambino esclude spontaneamente le immagini provenienti dall’occhio deviato proprio per evitare la visione doppia: l’occhio non utilizzato “va in ambliopia” ossia viene disattivato.

Lo strabismo riguarda circa il 4% dei bambini. Se trattato in ritardo l’ambliopia potrebbe diventare permanente. Più precocemente si tratta la patologia e migliore sarà il risultato ottenuto a livello visivo.

Lo strabismo può essere ereditario o dovuto ad anomalie oculari individuali.

Nel bambino, quando c’è un impedimento alla visione di un occhio, il cervello tende a escluderlo; ciò può accadere anche per problemi refrattivi o cataratta congenita. Può accadere, inoltre che se il bambino vede meglio con un occhio, il cervello ignora l’immagine dell’occhio che vede meno, che di conseguenza diventa pigro: non venendo più utilizzato diventa strabico.

Alcune forme di strabismo possono essere corrette con l‘utilizzo di occhiali.

Eseguire un’analisi della motilità oculare può inoltre identificare i muscoli deficitari o iperfunzionanti che possono essere ristabilizzati con l’intervento chirurgico.