L’olio di palma e i suoi effetti nocivi

Sono già diversi anni che abbiamo visto apparire sulle confezioni degli alimenti la dicitura: “senza olio di palma”.

Ma sappiamo esattamente perché dobbiamo evitarlo?

L’olio di palma è un grasso vegetale ad elevato impatto ambientale. L’olio di palma nei prodotti confezionati e spesso celato dietro la dicitura in etichetta di “oli vegetali”.

L’olio di palma si trova principalmente in prodotti da forno come biscotti, pane confezionato, crackers, grissini e fette biscottati, ma anche di creme dolci spalmabili, patatine fritte e snack salati, condimenti come le margarine.

La particolarità principale dell’olio di palma è il sui alto contenuto di acido palmitico caratterizzato dalla presenza di 16 atomi di carbonio che può provocare un aumento dei livelli del colesterolo e innalzare i rischi di coronopatia.

Inoltre, evitare l’olio di palma è una scelta si chi ha a cuore l’ambiente, infatti la produzione di olio di palma, è infatti causa di deforestazione e di distruzione degli habitat naturali degli animali che popolano le foreste di luoghi come Indonesia, Malesia, Uganda e Costa d’Avorio e della sottrazione alle popolazioni native di territori da esse abitati da sempre.