Merit Award per 11 giovani oncologi

microscope-275984_960_720Grande orgoglio per l’Italia: ben 11 giovani oncologi italiani saranno premiati in occasione dell’American Society of Clinical Oncology, che si terrà a Chicago dall’1 al 5 giugno.

Il premo è destinato ai giovani oncologi autori di abstract selezionati per la presentazione all’evento scientifico.

Ann H. Partridge, Chair dell’Asco Scientific Program Committee dichiara: “Sono riconoscimenti che supportano giovani e brillanti menti e i loro approcci innovativi alla ricerca sul cancro. Se vogliamo fare passi avanti per i nostri pazienti, il sostegno alla nuova ricerca è vitale”.

I vincitori sono 5 donne e 6 uomini e hanno tutti tra i 30 e i 37 anni. I giovani ricercatori stanno conducendo importanti studi tra Italia, Stati Uniti, Regno Unito e Belgio. Per alcuni di loro è il secondo Merit Award.  Gli studi condotti avranno un’importante effetto sul trattamento di diversi tipi di  tumori e sulla qualità di vita dei pazienti, e per questo hanno meritato il Conquer Cancer Foundation Merit Award.

Alessia Castellino, 30 anni, ematologa dell’Ospedale Città della Salute e della Scienza di Torino e attualmente negli Usa, alla Mayo Clinic di Rochester. Si occupa dei linfomi a grandi cellule B.

Vincenza Conteduca, 37 anni dell’Istituto Tumori della Romagna IRST IRCCS di Meldola è ora alla Cornell University di New York, studia il tumore della prostata e la biopsia liquida. Questo è il suo secondo Merit Award.

Pasquale Rescigno, 34 anni, che è a Londra per lavorare insieme a Johann de Bono si occupa di tumori alla prostata.

Matteo Lambertini, 32 anni dall’Ospedale San Martino di Genova ora all’Institut Jules Bordet di Bruxelles. Le sue ricerche si concentrano sul tumore al seno nelle giovani donne. Anche per lui è il secondo Merit Award.

Sandro Pasquali, 36 anni, si occupa di chemioterapia precauzionale nei pazienti affetti da sarcoma.

Lisa Derosa, 35 anni, secondo Merit Award. Si occupa del microbioma intestinale e della sua influenza sull’immunoterapia.

Daniele Rossini, 30 anni, si occupa di tumore del colon-retto metastatico. Anche per lui è il secondo Merit Award.

Francesca Battaglin, 33 anni dell’Istituto oncologico veneto, attualmente negli Usa al Norris Comprehensive Cancer Center dell’University of Southern California di Los Angeles si occupa di tumore al colon.

Luisa Carbognin,  33 anni, dell’università degli Studi di Verona, la sua ricerca mira a individuare le alterazioni del genoma del tumore al seno lobulare che lo rendono più aggressivo.

Paolo Strati, 34 anni della University of Texas Md Anderson Cancer Center, oltre al Merit Award per uno studio sulla leucemia linfatica cronica, ha infatti vinto anche il Young Investigator Award.

Alberto Puccini,  oncologo del Norris Comprehensive Cancer Center presso l’Università della California del Sud premiato per i suoi studi sui biomarcatori del carcinoma al colon-retto.