Musha: la mano miniaturizzata

Durante la sesta edizione della Maker Faire Roma – The European Edition, la fiera dell’artigianato digitale tenutasi a Roma dal 12 al 14 Ottobre è stata presentata Musha (Multifunctional smart hand), una mano miniaturizzata che potrà essere un valido aiuto in ala operatoria.

Musha è stata progettata dal centro Icaros dell’Università di Napoli Federico II come coadiuvante per il chirurgo durante gli interventi più precisi.

Fanny Ficuciello, responsabile della ricerca del centro Icaros ha spiegato: “Questa mano robotica, grazie ai suoi cinque motori che la rendono molto elastica, potrà ad esempio sollevare parti del tessuto anatomico che ostacolano la visuale del chirurgo. Inoltre, con i suoi sensori darà al chirurgo la sensazione del tatto“.

Si è già a lavoro per la realizzazione del prototipo. La ricercatrice Ficuciello aggiunge: “Per il momento non è stata ancora sperimentata sui pazienti, abbiamo fatto dei test di simulazione in laboratorio. Ma abbiamo già riscontrato un grande entusiasmo tra i chirurghi ai quali l’abbiamo mostrata“.