Nausea in gravidanza: consigli su come combatterla

Oltre il 50% delle donne in gravidanza soffre di nausea alla vista del cibo ed è spesso accompagnata da scialorrea.

La nausea in gravidanza non è considerata una manifestazione patologica, ma parafisiologica.

La patologia se pur molto comune non va sottovalutata poiché nei casi più gravi in cui vi è un’eccessiva perdita di liquidi e di nutrienti con il vomito che potrebbe determinare una diminuzione importante del peso della madre.

Nei  primi mesi di gravidanza vi è un’alterazione della funzionalità dell’intero apparato digerente. Il progesterone, infatti, predispone al reflusso gastroesofageo e rallenta la peristalsi intestinale che è anche spesso causa di stitichezza.

Molti considerano la nausea in gestazione come un tentativo dell’organismo di difendersi da un’eccessiva ingestione di cibo e dalle possibili infezioni e intossicazioni causate dallo stesso.

Non esistono soluzioni per far scomparire la nausea in gravidanza, ma qualche piccolo accorgimento potrebbe sicuramente alleviare il fastidio, come: al risveglio evitare movimenti bruschi e alzarsi delicatamente per evitare la brusca caduta di pressione. Prediligere cibi secchi come i biscotti e non bere troppo a stomaco vuoto. Mangiare uno spuntino a metà mattina e consumare pasti equilibrati, evitando alimenti di difficile digestione.

Un altro rimedio molto consigliato per placare la nausea è lo zenzero, da assumersi sotto forma di tè o pillole.