Nobel per la medicina 2016: biologo giapponese scopre l’autofagia cellulare

stem-cell-163711_1280Quest’anno il 107 mo Premio Nobel per la fisiologia e la medicina, è stato assegnato al biologo giapponese Yoshinori Ohsumi,professore presso il Tokyo Institute of Technology, per la scoperta del meccanismo dell’autofagia, un processo biologico di degradazione e autodistruzione che permette alla cellula di riciclare le sostanze di scarto. Grazie all’autofagia, che è una delle funzioni alla base di tutte le cellule viventi, le cellule possono liberarsi di tutte le sostanze di scarto e “riporle” all’interno di una struttura cellulare specializzata per la loro degradazione, chiamato lisosoma. “Il corpo umano ripete costantemente il processo di auto-riciclaggio, o cannibalismo, creando un equilibrio assoluto tra formazione e disfacimento – ha spiegato lo studioso -. Fa parte del circolo della vita”. L’autofagia si verifica infatti in diversi contesti, sia fisiologici che patologici, ed è fondamentale nelle fasi di sviluppo e di differenziamento cellulare, infatti molte patologie sono oggi interpretate come risultato di un’alterazione dei processi di autofagia. L’esistenza di questo meccanismo era stata ipotizzata fin dagli anni ’60, ma solo le ricerche condotte negli anni ’90 da Yoshinori Ohsumi hanno permesso di comprendere a fondo questo processo.