Alcuni psicologi hanno creato una guida per scovare i tradimenti di coppia

couple-3064048_1920Un team di scienziati americani della Florida State University, ha condotto uno studio triennale su 233 coppie di persone appena sposate. Lo studio consisteva nel conoscere a fondo la loro vita privata, mettendo in risalto la loro capacità di impegnarsi a lungo termine, la propensione alle relazioni extraconiugali e la soddisfazione matrimoniale. L’obiettivo dello studio era conoscere come si innescano i meccanismi tra un partner traditore e uno fedele.

Secondo i quattro psicologi che hanno condotto questa ricerca, in ognuno di noi si trovano degli indizi che ci permettono di capire se siamo persone più inclini al tradimento o no. Uno dei primi risultati venuti fuori, è che al contrario di quanto si possa pensare, i partner più soddisfatti sessualmente sono più inclini al tradimento. Basti pensare al fatto che tradiscono più facilmente donne e uomini che vivono il sesso in maniera serena piuttosto che il contrario.

Un altro risultato interessante riguarda il fattore bellezza, sia propria che del coniuge, cambia in base al sesso: per esempio, le donne che piacciono di meno agli uomini, quando si sentono gradite per la prima volta da qualcuno, accetteranno con molta probabilità di tradire il partner; al contrario, le donne che ricevono spesso complimenti, generalmente sono meno inclini all’infedeltà. Gli uomini invece, tradiscono più facilmente se hanno una donna poco attraente al proprio fianco.

Nonostante i dati e i risultati in nostro possesso, non è facile scovare gli indicatori di infedeltà coniugale nel proprio partner. Molti dei comportamenti tipici fanno parte dell’Attentional Disengagement ed Evaluative Devaluation, cioè la capacità di alcune persone di suscitare desiderio fisico in un’altra persona in maniera non intenzionale, con la tendenza a minimizzare alcune caratteristiche che potrebbero rendere una persona attraente dal punto di vista sessuale.