Quali sono gli alimenti che possono tramettere malattie?

Secondo l’OMS sono almeno 200 le patologie che possono essere trasmesse da alimenti.
La sicurezza alimentare è una delle principali preoccupazioni mondiali. Pochi sono coloro che vivono un’alimentazione corretta e spesso la tavola può nascondere insidie pericolose legate al consumo di  cibo contaminato.

Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, gli alimenti contaminati possono causare più di 20 malattie.
Ogni anno circa 600 milioni di persone nel mondo vengono colpite da malattie derivanti dal cibo e questo rappresenta un ingente costo economico per la sanità. Molti di questi casi riguardano  bambini e le persone che vivono in regioni a basso reddito.

Le principali malattie trasmesse dagli alimenti contaminati sono:
Il botulismo che si può contrarre consumando conserve di frutta e verdura fatte in casa, insaccati, conserve di carne e pesce.
La salmonellosi che può essere trasmessa da alimenti come pollame, latte, carni e derivati, uova, verdure, acqua.
L’intossicazione da stafilococco aureo dovuta all’ingestione di cibi come carni poco cotte e fredde, prodotti a base di latte, panna, formaggi, carne, derivati di uova crude.
La tossinfezione da Clostridium Perfrigens che può essere contratta mangiando carni contaminate, cotte in grandi pezzi tenute al caldo per molto tempo o lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
La tossinfezione da bacillus cereus derivante da cibi come riso bollito, frittelle di riso, creme, alimenti a base di cerali e legumi.
Infine ci sono alimenti veicolo di malattie trasmissibili per via oro fecale, come epatite A, febbre tifoide, infezione da Escherichia coli, colera, amebiasi, giardiasi. Nello specifico parliamo di acque e cibi contaminati, come frutti di mare allevati in acque contaminate e crudi, frutta e verdura, latte non pastorizzato e derivati.