Ridurre del 10% il sale farà risparmiare 6 milioni di anni di vita

salt-791655_1920Ridurre del 10% il consumo di sale nel prossimo decennio potrebbe far risparmiare 6 milioni di anni di vita.

Infatti, si potrebbero risparmiare circa 204 dollari per ogni anno di vita salvato, perché la prima causa dell’eccessivo consumo di sale, sono le malattie cardiovascolari.

Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal, ha coinvolto 183 paesi a cui è stato applicato un modello statistico creato per analizzare l’apporto di sodio, la pressione sanguigna e gli effetti sulle malattie cardiovascolari. Questi fattori sono stati confrontati con i costi dei programmi di riduzione del sodio (per esempio stringere accordi con l’industria alimentare o progetti di educazione pubblica).

I risultati sono molto postivi secondo i ricercatori, perché questi programmi si sono dimostrati molto efficienti, arrivando alla possibile riduzione del 10% in dieci anni, nei quali si risparmierebbero 5,8 milioni di DALY (Disability Adjusted Life Year) cioè l’unità di misura che somma gli anni di vita persi a causa di una morte precoce e quelli vissuti in malattia invece che in salute. Dei 5,8 milioni di anni di vita persi, il 40% sono attribuiti ad ictus, il 42% a malattia coronarica e il 18% ad altre malattie cardiovascolari.

I ricercatori dello studio fanno notare che questo piano ipotizzato principalmente per il Regno Unito, potrebbe funzionare in tutto il mondo.