Stop alle ricette incomprensibili, i medici dovranno scrivere in maniera leggibile

Stop alle ricette incomprensibili, i medici dovranno scrivere in maniera leggibile e a dirlo è il ministero della Salute.

Per evitare e prevenire errori nelle terapie i medici dovranno usare lo stampatello in caso di prescrizioni a mano, non sarà possibile all’utilizzo di abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli.

Durante la gestione del farmaco in ospedale e sul territorio l’utilizzo di abbreviazioni, scrittura poco chiara o sigle potrebbero causare errori e danni ai pazienti.

Inoltre, il ministero della Salute esorta i medici a non prescrizione terapia farmacologica verbale, poiché se pur già sconsigliata, quest’ultima risulta essere una forma ancora largamente utilizzata soprattutto in situazioni di emergenza/urgenza ove la possibilità d’errore potrebbe risultare fatale per il paziente.

Il ministero propone a una standardizzazione delle definizioni che potrebbe facilitare la comunicazione delle informazioni all’interno della struttura sanitaria e tra strutture sanitarie particolarmente nelle transizioni di cura.

Il ministero conclude:  “La raccomandazione è rivolta agli operatori sanitari coinvolti nel processo di cura del paziente e nella gestione dei farmaci oltre che a Regioni e Province autonome e alle direzioni aziendali“.