Uno smartwatch in grado di riconoscere il Parkinson

smartwatch-916404_1920Grazie all’evoluzione della tecnologia, oggi è possibile sviluppare sistemi di analisi o monitoraggio per alcune patologie croniche e non. Sfruttando uno smartwatch, è possibile scoprire se una persona è affetta da Parkinson con un test di 10 secondi, con un’accuratezza del 92%.

Il rivoluzionario dispositivo è stato messo a punto dall’università Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con l’università di Oxford. Il brevetto del sistema è già stato depositato ed i risultati sono davvero promettenti, tanto da essere già stati pubblicati su Brain, rivista scientifica. I risultati sono anche stati presentati al congresso internazionale su Parkinson e disturbi del movimento, tenutosi a Vancouver.

Il dispositivo analizza il tremolio delle mani del paziente, e successivamente distingue il Parkinson dal tremore essenziale, patologia che non presenta un’evoluzione progressiva e che richiede un trattamento diverso. I risultati sono migliori dell’80% rispetto a quelli clinici.

Lo smartwatch è composto da pochi pezzi non eccessivamente costosi (come l’accelerometro), mentre il segreto di questo dispositivo è nell’algoritmo (brevettato) che è in grado di riconoscere il tremore e diagnosticare il tipo di patologia. Il sistema funziona anche con la tecnologia laser, che misura la velocità con cui si muove un dito, sul quale è stata applicata della carta riflettente.