Decalogo per educare genitori e figli all’uso corretto delle nuove tec

child-girl-young-caucasian-159848Per la prima volta la SIP (Società Italiana di pediatria) affronta il problema sull’uso-abuso di cellulari, smartphone, tablet nei bambini fino a otto anni di età.

Sull’Italian Journal of Pediatrics, in occasione anche del il 74mo Congresso italiano di pediatria, sono state pubblicate le linee guida dei pediatri italiani relative all’argomento: divieto assoluto di utilizzo di smartphone e tablet per bambini al di sotto dei due anni, per i più grandi si consiglia di non utilizzarli durante i pasti e prima di andare a dormire. Per i bambini tra i 2 e i 5 anno limitarne l’uso a massimo un’ora al giorno, due ore, invece, per quelli tra i cinque e gli otto anni.

In Italia l’80% dei bambini tra i tre e i cinque anni utilizzano quotidianamente il cellulare dei genitori. Il 30% dei genitori glielo concede già durante il primo anno di vita, il 70% al secondo anno.

Alberto Villani, presidente della SIP, dichiara: “Nessuna criminalizzazione delle tecnologie digitali. Ma come pediatri che hanno a cuore la salute psicofisica dei bambini non possiamo trascurare i rischi documentati di un’esposizione precoce e prolungata a smartphone e tablet”.

Elena Bozzola, membro della segretaria nazionale della SIP, aggiunge: “È importante dare ai bambini dei limiti e trovare dei modi alternativi per intrattenerli e calmarli. I genitori dovrebbero dare il buon esempio, limitando l’utilizzo dei device perché i bambini sono grandi imitatori”.