Meno zuccheri uguale più salute. Ridurre il consumo di zuccheri per vivere meglio

Lo zucchero sembra essesugar-485057_640re diventato il nuovo nemico da combattere. A confermarlo anche un articolo realizzato dai ricercatori dell’università della California, e pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature. La nostra dieta, affermano i ricercatori, è troppo ricca di zucchero semplice, responsabile della crescita dei numeri di sovrappeso, diabete, malattie cardiovascolari e tumori osservata negli ultimi anni e le Nazioni Unite hanno da poco annunciato che proprio queste malattie non trasmissibili hanno appena superato quelle contagiose per il numero di morti provocati ogni anno nel mon
do, circa 35 milioni.

Gli effetti dello zucchero infatti, se consumato costantemente e nelle attuali quantità, possono addirittura essere paragonabili a quelli dell’alcol in termini di danni all’organismo. Tra l’altro, il consumo costante di zucchero può creare dipendenza. Un consumo eccessivo fa scattare segnali ormonali che riducono il senso di sazietà portando quindi a mangiare di più e a tendere all’obesità.

Un altro effetto è quello che si ha sulla dopamina: produce una diminuzione del piacere di aver consumato cibo e quindi spinge a consumarne di più. Di fatto, già da qualche anno il Fondo mondiale della ricerca sul cancro (Wcrf) invita a «Limitare il consumo di cibi ad alta densità calorica ed evitare il consumo di bevande zuccherate». Gli alimenti ad alta densità calorica sono quelli che contengono molto grasso e zucchero; le bevande zuccherate spaziano dalle bibite gassate analcoliche agli amari e ai liquori. Anche sulla base di questi dati allarmanti l’azienda Nestlé ha recentemente dichiarato che entro il 2020 escluderà almeno diciottomila tonnellate di zucchero dai prodotti che finiranno sugli scaffali dei supermercati europei, senza alterare in alcun modo la sapidità dei propri prodotti.

Ma quali sono le quantità massime di zuccheri consentite? Non più di 50 grammi di zucchero al giorno nella dieta , pari a dodici cucchiaini. Il problema arriva però quando si prova a misurare la quantità contenuta nei prodotti industriali. Una lattina di bibita gassata contiene almeno dieci cucchiaini di zucchero mentre un succo di frutta può arrivare a cinque.