Pelle artificiale per monitorare la salute dei pazienti

Dall’università australiana arriva la nuovissima e rivoluzionaria invenzione: la pelle artificiale che permetterà a moltissime persone di prevenire l’insorgere di patologie monitorando in modo costante quelle informazioni che possono fungere da sintomi di problemi più seri.

La nuova pelle artificiale è formata da una sottilissima patina di un materiale ricavato dall’oro; estremamente elastica e quindi perfettamente adatta per essere applicata in qualsiasi parte del corpo.

La pelle artificiale è dotata di sensori integrati che consentono di trasmettere i dati rilevanti allo smartphone. Il tessuto è caratterizzato da una fortissima resistenza e comunica i dati con un’accuratezza del 93%.

Gli utilizzi di questa nuova invenzione sono svariati e vanno da quelli più semplici come registrare il battito cardiaco e controllare la pressione sanguigna a quelli più complessi, come la rilevazione dell’autismo. Infatti, secondo il professore Wenlong Cheng, responsabile del progetto, la pelle può essere posizionata anche sul viso per monitorare il movimento dei muscoli facciali, aiutando così a individuare una possibile condizione di autismo, oppure negli anziani lo sviluppo di patologie legate al deterioramento muscolare. E ancora, posizionando la pelle artificiale sulla pancia delle donne incinte di potrebbero monitorare i movimenti del feto, ed essere invitate a recarsi all’ospedale per una visita in caso di gesti inconsueti nel bambino.