Qual è la posizione corretta per lavorare al computer?

Quando si utilizza il pc soprattutto per molte ore al giorno è importante seguire le giuste linee guida per salvaguardare la nostra salute.

In Italia dal 2008 è in vigore il decreto legislativo 81/08, una legge che tutela la salute dei lavoratori che trascorrono la loro giornata davanti allo schermo del pc.

Le linee guida prevedono quindici minuti di pausa ogni due ore per non affaticare gli occhi e permettere una ripresa fisiologica del movimento oculare e muscolo-scheletrico dorsale.

È importantissimo mantenere una posizione corretta al pc con schiena dritta cercando di evitare accumulare tensione nel corpo. La testa deve essere mantenuta alta, le spalle rilassate e gli occhi in linea con lo schermo del PC. Inoltre, l’altezza della seduta da terra è fondamentale per raggiungere una posizione di benessere: una sedia troppo alta non permette di appoggiare i piedi a terra, mentre una sedia troppo bassa ti obbligherà a contorsioni e movimenti innaturali. La sedia deve essere posizionata ad un’altezza che permetta di mantenere un angolo retto fra sedile e schiena e fra gambe e pavimento.

Bisogna inoltre, appoggiare bene i piedi a terra cercando di non accavallarle le gambe per non compromettere una buona circolazione venosa.

Fondamentale, per salvaguardare la vista e non sforzare il collo e la parte superiore del corpo, è anche la distanza dallo schermo del computer. Fra monitor e occhi dovresti mantenere una distanza che va dai 50 agli 80 cm (dipende anche dalle dimensioni dello schermo).