Salute Donna Onlus: i centri di senologia sono vecchi, adeguateli ai bisogni di pazienti

Salute Donna Onlus“Oggi sarebbe il caso di integrare la multidisciplinarietà delle breast unit (strutture dedicate allo studio e alla cura del tumore al seno, ndr) ed estenderla anche alle donne metastatiche, perché hanno una lunga sopravvivenza: per come sono stati pensati anni fa, i centri di senologia sono vecchi”.

Queste sono le dichiarazioni di Anna Maria Mancuso presidente della “Salute Donna Onlus”.

Anna Maria Mancuso, architetto per professione, a seguito della sua doloroso esperienza della malattia, ha fatto della lotta ai tumori il suo motivo di vita.

Durante la presentazione della campagna “È tempo di vita” che quest’anno si è occupata ha come tema principale l’alimentazione nella terapia la Mancuso ha dichiarato: “Queste donne hanno problemi nell’organizzazione della vita perché pur essendo comunque attive, la malattia si è cronicizzata e quindi cambiano le abitudini e i tempi di lavoro. A queste diverse esigenze bisogna adeguare i ritmi modellare il lavoro in base alle loro esigenze, creare servizi per la famiglia e supporti psicologici adeguati”.

Anna Maria Mancuso lotta ogni giorno accanto a chi, come lei, ha vissuto e sta vivendo il percorso del tumore. Una vera e propria missione nella quale non perde mai l’occasione per sottolineare: “In questo luogo la priorità va data al malato, tutto il resto viene dopo: le risposte devono essere date entro 24 ore dalla domanda. Accorciare i tempi d’attesa è parte della cura, nessuno deve attendere per la nostra inefficienza. Questa è la missione principale di Salute Donna. Non perdiamola mai di vista”.

Foto di freepik – it.freepik.com